COVID-19: Notizie importanti

Per sostenere PMI e professionisti, offriamo carte virtuali gratuite e illimitate fino al 30 novembre. Maggiori dettagli qui.

Your request was successfully submitted.
Contattaci

Quanto costa ricevere un bonifico SWIFT?

Qonto è tra i primi servizi di banking online ad offrire tra le proprie funzionalità i bonifici SWIFT in entrata. Siamo felici infatti di poterti sostenere nella crescita della tua attività a livello internazionale, offrendoti la possibilità di ricevere direttamente tutti i bonifici sul tuo conto Qonto (indipendentemente da dove si trova l'ordinante e dalla valuta di origine).

Abbiamo definito un sistema di prezzi unico per questo servizio, in modo da garantirti tariffe più basse rispetto a quelle degli operatori tradizionali sul mercato.

Questo sistema di prezzi include tre tipi di tariffe:

  • Spese di ricezione (incluse nel canone mensile dei piani Standard e Premium di Qonto)
  • Commissioni fisse (che sono evitabili)
  • Commissioni di cambio (che dipendono da chi gestisce il cambio dei fondi in euro)

Di seguito trovi maggiori dettagli sui costi che devi sostenere (e per chi), insieme ad alcuni consigli su come evitare certe spese.

Spese di ricezione

Per i piani Standard e Premium, le spese di ricezione dei bonifici SWIFT sono nulle. 

Per il piano Solo, la spesa di ricezione per ogni bonifico SWIFT è pari a 5€, in aggiunta al canone mensile del tuo piano.

Credi che ci sia un piano Qonto più adatto ai bisogni del tuo business rispetto al tuo piano attuale? Naturalmente puoi cambiare il tuo piano in qualsiasi momento dalla sezione Impostazioni della tua interfaccia Qonto.

Commissioni fisse

Purtroppo, non abbiamo alcun controllo sulle commissioni che possono essere addebitate dalle varie banche (o istituti di pagamento) responsabili dell'invio del bonifico sul tuo conto e del cambio dei fondi in euro. Queste commissioni si aggiungono direttamente al costo del bonifico e il loro ammontare varia tipicamente tra i 15€ e i 75€.

Queste commissioni però possono essere evitate, se l'ordinante sceglie l'opzione giusta:

L'ordinante del bonifico SWIFT (il tuo cliente o partner) ha tre opzioni: SHA, BEN o OUR.

L'opzione SHA o condivisa: le spese vengono ripartite tra ordinante e beneficiario. Le commissioni della banca emittente sono pagate dalla persona che invia il bonifico. Le spese della banca intermediaria e di quella del beneficiario vengono detratte dall'importo del bonifico (e quindi addebitate al beneficiario).

L'opzione BEN o a carico del beneficiario: il beneficiario del bonifico paga tutte le spese fisse (comprese le commissioni per l’invio del bonifico dovute alla banca dell’ordinante), che vengono detratte dall'importo del bonifico.

L'opzione OUR: è l'unica opzione che ti assicura di non dover sostenere alcuna spesa, in quanto sono tutte a carico dell'ordinante del bonifico (che paga anche le commissioni richieste dalla banca ricevente). Ti consigliamo di chiedere al tuo cliente o partner di selezionare questa opzione per ricevere esattamente l'importo previsto.

Il nostro consiglio: è meglio specificare nei tuoi contratti commerciali che il tuo cliente deve selezionare l'opzione OUR quando effettua il pagamento tramite un bonifico SWIFT.

Commissioni di cambio

Il tasso di cambio è calcolato in base al tasso di cambio interbancario. Questi tassi di cambio variano costantemente. Sono bloccati durante il fine settimana e le festività - quando i mercati sono chiusi - ma possono fluttuare drasticamente a partire dall'inizio della settimana e nell'arco di un solo giorno.

Il tasso di cambio utilizzato per convertire i bonifici SWIFT in euro non è mai il tasso interbancario. Una delle banche o degli istituti di pagamento (emittente, intermediario o ricevente) converte i fondi (ad esempio, da USD a EUR) e addebita una commissione, calcolata come percentuale del tasso di cambio interbancario.

Anche se non puoi esercitare alcun controllo su ciò, devi sapere che si possono presentare due possibili scenari:

  • La banca (o l'istituto di pagamento) emittente o una delle banche intermediarie (o uno degli istituti di pagamento intermediari) converte il bonifico

Qonto riceve quindi il bonifico in euro. Poiché la conversione è stata già effettuata, non abbiamo alcun controllo sulle commissioni aggiunte al tasso di cambio che visualizzi sul tuo schermo.

  • La banca (o l'istituto di pagamento) ricevente converte il bonifico

Se la banca (o l'istituto di pagamento) del beneficiario riceve il bonifico in una valuta diversa dall'euro, applicherà le sue commissioni di cambio per convertire i fondi.

Quando i fondi del bonifico devono essere convertiti, Qonto non se ne occupa direttamente, ma affida questo compito a una banca corrispondente.

Con la nostra banca corrispondente abbiamo negoziato una commissione pari a circa il 2% del tasso di cambio interbancario. Questa è solo una stima: il tasso può essere superiore o inferiore a seconda della data, dell'importo del bonifico e della valuta.

Hai altre domande?

Se non trovi la risposta alle tue domande nelle nostre FAQ, non esitare a contattare il nostro team dedicato!